Le carte di credito anonime possono essere richieste per tutta una serie di motivazioni differenti fra loro, tra queste un senso di privacy assoluto, problemi a livello legale oppure estrema paura in caso di un possibile furto.

Le carte di credito anonime si basano su di un concetto estremamente complesso, proprio per questo risulta estremamente difficile reperirle sul mercato. Particolarmente rare risultano essere le carte di credito anonime in grado di offrire la sicurezza e soprattutto la legalità dell’utilizzo e del rilascio.

 

CARTE DI CREDITO PREPAGATE SENZA LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE

Le carte specificatamente di credito anonime non esistono in realtà, ma si distinguono tuttavia altre forme di carte le quali non richiedono una documentazione personale. Le carte di credito anonime non possono essere emesse in quanto nessuna filiale rilascerebbe un prestito senza la garanzia di un sottoscrivente perfettamente rintracciabile. In forma anonima possono essere richieste le carte di debito, chiamati Bancomat, ma anche in tal caso ci sono delle cose da analizzare.

L’anonimato sulle carte di debito e sulle carte prepagate può essere mantenuto in assenza di un codice Iban, ma che dovrà necessariamente, secondo quanto sancito dalla legge italiana, riconducibile ad una persona fisica, oppure a un’azienda. Le carte dotate di Iban anonime possono essere riconducibili ad una società offshore, non del tutto illegale ma perseguibile dall’ente della finanza. Pur utilizzando una carta anonima nella sfera permessa dalla legalità i problemi compariranno soprattutto a livello degli esercenti.

Nessuno degli esercenti si dimostrerà disponibile ai fini di ricaricare una carta priva di un proprietario, accompagnata da un documento visionabile.



Il rischio di non poter utilizzare una carta di debito anonima, una volta ottenuta, si presenta quindi il rischio di non potersene servire.

 

CARTA PREPAGATA ANONIMA SISAL

Le carte prepagate anonime vengono generalmente emesse sotto forma usa e getta, prive di qualsiasi associazione e documenti da presentare al momento dell’acquisto. Una tipologia di carta anonima simile è distribuita dalla Sisal, denominata “Kalibra”. Per acquistarla occorrono solamente 5 euro, mentre l’importo ricaricabile minimo è pari a 30 euro. Il circuito di emissione è quello di Visa Electron, mentre per conoscere il saldo sii dovrà contattare esclusivamente un numero verde appositamente indicato.

Da Kalibra non è possibile prelevare denaro presso gli sportelli ATM, né in altre modalità e proprio per questo la carta ricaricabile anonima Sisal non risulta particolarmente conveniente nella sua totalità. Anche se la carta Kalibra risulta quasi del tutto anonima, in caso di illecito, le autorità competenti non impiegherebbero molto tempo per ritrovare il vero utilizzatore della carta prepagata. Un ulteriore sistema per richiedere delle carte anonime è quello di rivolgersi a servizi esteri che godono di una certa privacy.

 

PACK POSTEPAY TWIN: PREPAGATE ANONIME

Il sistema delle carte prepagate Pack Postepay Twin possono essere utilizzate per acquistare e per prelevare denaro in forma anonima per una delle due carte, legale e destinabile ad una terza persona. Entrambe le carte possono essere acquistate per la somma di 8 euro, con un plafond massimale di 999 euro, un ammontare annuo di 2.500 euro e una spesa massima annua di 1.000 euro.