La PostePay junior è simile alla classica carta prepagata e ricaricabile PostePay, realizzata appositamente per l’utilizzo dei più giovani. Il target a cui si rivolge comprende una fascia minima di età di 10 anni, sino ad un massimo di 18 anni.

Allo stesso modo della classica carta anche la PostePay junior viene rilasciata presso gli uffici postali, concessa tramite la presenza di uno dei due genitori in caso di minori che dovranno comunque presentare sia la carta di identità che il proprio codice fiscale.

Lo scopo della PostePay junior è proprio quello di assicurare un mezzo di pagamento ai ragazzi che, a fronte di qualsiasi motivo scolastico e personale, si trovano fuori città e che devono intrattenere delle spese extra. Per lo stesso motivo è stata pensata al fine di abituare i ragazzi al controllo della moneta elettronica e al suo corretto utilizzo.

 

COME FUNZIONA LA POSTEPAY JUNIOR E COSTI DI ATTIVAZIONE

Il costo di attivazione della Postepay junior è il medesimo della versione classica della prepagata, ovvero 5 euro, mentre cambia la funzione della sua validità, passando a 6 anni. Essendo una carta associata al circuito Visa Electron, la sua validità di pagamento è estesa a tutti gli enti commerciali con essa convenzionate, mentre il saldo e molti acquisti possono essere verificati anche online.

Tuttavia la PostePay junior presenta delle limitazioni specifiche sugli addebiti di ricarica, il costo della ricarica presso gli uffici postali è di 1 euro, mentre prelevare o ricaricare presso gli esercizi autorizzati Sisal il costo aumenta a 2 euro, come per la versione classica di PostePay.



Non è inoltre consentito prelevare una cifrà più alta dell’effettiva disponibilità della carta prepagata, come non sono previste possibilità di volgere il conto in debito, ovvero in rosso, né è possibile associare un conto corrente alla versione junior. L’obbiettivo specifico della PostePay junior è stato realizzato appositamente per lo spostamento di piccole cifre da parte dei ragazzi più giovani.

A differenza della PostePay versione Evolution non è infine possibile pagare bollete o inviare e ricevere bonifici , in quanto è sprovvista di codice IBAN.

La sicurezza della PostePay prevede un massimo ricaricabile di 1.000 euro (a differenza del massimale della carta classica di 3.000 euro), ragion per cui se il soggetto intestatario smarrisce la propria ricaricabile non sarà possibile perdere ulteriori guadagni.

Il il prelievo massimo giornaliero tramite sportello bancomat previsto è di soli 100 euro, contro i 250 euro della carta per chi risulta essere già maggiorenne.

La PostePay junior non è inoltre utilizzabile per l’acquisto dei servizi che richiedono un’autorizzazione al pagamento a titolo di cauzione, come ad esempio per il noleggio di auto o l’affitto di beni di particolare valore.

La PostePay junior consente di ricaricare la propria SIM senza ulteriori costi di commissione, ed è utilizzabile anche dall’estero.

Anche gli istituti bancari offrono la stessa disponibilità di carte prepagate pensate per i più giovani, inoltre esiste la versione “Io Studio” con funzionalità di carta prepagata come una Postepay Junior, rilasciata dagli istituti scolastici secondari come una carta dello Studente.