Quando si parla di sicurezza carte di credito si presume che il titolare di tale carta sia protetto da eventuali tentativi di furto o manomissione del denaro presente sul conto ad essa collegato.

E’ importante quindi che l’utilizzatore della carta si senta protetto e che possa utilizzarla senza avere problemi futuri. Il numero delle truffe e delle frodi sono tuttoggi molto elevate e questo è dovuto anche al largo utilizzo che viene fatto della carta.

La sicurezza delle carte di credito diventa quindi fondamentale e se da una parte c’è chi studia continuamente nuovi metodi per organizzare delle truffe, dall’altra c’è chi studia ogni giorno dei nuovi metodi per scoraggiare i tentativi di frode.

Con le leggi imposte negli ultimi anni da Mario Monti si è cercato di incentivare il numero di transazioni compiute con i pagamenti elettronici. Questo col fine di poter avere una tracciabilità di tutti i pagamenti effettuati da ogni singolo cittadino e da ogni impresa.

Abbandonare il denaro contante non è semplice per tanta gente, soprattutto per tutti coloro che si spaventano quando sentono parlare in tv di tutti i tentativi di clonazione che vengono ogni giorno effettuati sulle carte di credito.

Recentemente su Italia 1 vi è stato un servizio delle Iene che spiegava come gruppi organizzati riuscivano con facilità a clonare le carte degli Italiani.

Cercheremo ora di fornire dei piccoli consigli che vi consentiranno di utilizzare la vostra carta in maggiore sicurezza. Le carte di credito posseggono già di per sè dei metodi di sicurezza ma è sempre bene prestare attenzione a possibili videocamere nascoste presenti allo sportello del bancomat.



Evitate inoltre di pronunciare i numeri del proprio pin nel momento in cui si digitano e prestate attenzione alla possibile presenza di oggetti aggiuntivi nella bocchetta dove viene inserita la propria carta allo sportello del bancomat.

Un altro consiglio: potrebbe sembrare inutile ma parlare o fare rumore nel momento in cui si digita il codice pin potrebbe essere di grande aiuto. Se si protegge infatti la visuale sulla tastiera con la propria mano i malfattori potranno comunque decifrare il codice pin. Ogni tasto premuto infatti emette un suono univoco e disturbare con un rumore l’emissione del suono dovrebbe complicare l’identificazione del tasto premuto.

Se segnare sul proprio cellulare il codice PIN potrebbe essere una pratica abbastanza scorretta, potrebbe invece essere un’ottima azione quella di salvare sulla rubrica del proprio cellulare il numero da contattare in caso di furto o smarrimento della carta. Solitamente si tratta di numeri verde che, se utilizzati subito, potrebbero permettere allo sbadato o al derubato di avere meno danni possibili di quanti ne potrebbero accadere.

Per maggiore sicurezza è consigliabile inoltre verificare spesso il proprio saldo contabile e verificare la lista degli ultimi movimenti. Se dovesse essere presente qualche anomalia contattate immediatamente la società che ha emesso la vostra carta di credito tramite l’apposito numero verde. Si consiglia quindi avere tale numero memorizzato e accessibile in qualsiasi momento. Il numero verde per bloccare la carta di credito è solitamente presente nel sito internet della propria banca.